Progetti
casi di successo

La funzione di Internal Audit di una grande azienda compie numerosi controlli sulle attività compiute dai vari livelli dell’azienda (uffici, centri di distribuzione e funzioni direttive): accerta che siano seguite le procedure di compilazione di form e report, verifica che siano compiuti i necessari controlli di attendibilità delle informazioni fornite dai clienti, monitora che tutte le normative di riferimento siano rispettate, ecc.

Accanto ad una valutazione della bontà del funzionamento di tali controlli, ovvero della loro capacità di avere un effetto positivo in termini di qualità sui singoli processi aziendali, il settore di Internal Audit è interessato a valutare la bontà del design dei singoli controlli e la loro capacità di garantire il presidio degli obiettivi di controllo prefissati, sia quando implementati singolarmente, sia quando combinati tra loro.
Questo permette, ad esempio, di sapere quali controlli sono più efficaci e quali necessitano di miglioramenti o correzioni per compiere al meglio la loro funzione; o ancora permette di sapere su quali controlli investire maggiori risorse al fine di migliorare il presidio degli obiettivi di controllo strategici.

Insieme agli esperti del settore, Pangea Formazione ha analizzato il sistema di valutazione del design dei controlli e lo ha ripensato in modo che fosse più aderente alle effettive esigenze dell'azienda. In particolare sono stati evidenziati tre livelli separati di valutazione:

  • un primo livello in cui si deve valutare la robustezza di ciascun controllo indipendentemente dalla sua attuazione all'interno delle procedure di audit
  • un secondo livello in cui si valuta l'efficacia di ciascun controllo in funzione dell'obiettivo desiderato, sia come controllo singolo preso a se stante, sia come controllo inserito in una più ampia fase di presidio in cui esso è combinato con altri controlli afferenti al medesimo obiettivo aziendale
  • infine un terzo livello in cui si valuta il presidio complessivo offerto da un gruppo di obiettivi di controllo selezionati e dai vari controlli a loro afferenti, per offrire una valutazione della "copertura" offerta da tali controlli alla "fase di controllo" o al "macroprocesso di controllo" composto dagli obiettivi scelti

Accanto alla progettazione del sistema di valutazione, Pangea Formazione ha aiutato la progettazione e la realizzazione di un tool capace di simulare l'effettivo impatto di nuovi controlli sui singoli obiettivi di controllo e su più ampie fasi di controllo, capace di evidenziare i legami tra le proprietà dei controlli al primo e al secondo livello di valutazione, tramite delle opportune reti bayesiane che legano le caratteristiche dei controlli che vengono valutate.

La soluzione offerta da Pangea Formazione ha permesso:

  • una migliore comprensione dei legami tra le caratteristiche dei singoli controlli e del loro effetto su robustezza, efficacia e presidio degli obiettivi di controllo
  • l'ottimizzazione dei processi di costruzione e di messa in funzione dei controlli
  • la valutazione di scenari "what if" nell'ambito della funzione di Internal Audit
È preferibile prevedere anche senza certezza alcuna,
che non prevedere affatto
Henri Poincare

Questo sito web utilizza i cookie per capire come viene utilizzato il sito e per permettere l'accesso all'area riservata. I cookie non permettono di identificare l'utente. I cookie sono salvati sul tuo browser e sono utlizzati per personalizzare la tua esperienza sul nostro sito web. Continuando la navigazione sul nostro sito senza modificare le impostazioni, accetti il nostro utilizzo dei cookie. Comunque potrai modificare le tue impostazioni dei cookie in qualsiasi momento.